Il Consorzio Terme Euganee ed Y-40 su Rai 1a “Fa’ la cosa giusta”


Le acque termali protagoniste di Fa’ la cosa giusta, dalla risorsa salsobromoiodica unica al mondo al progetto in Y-40 dedicato ai bambini affetti da SMA

 

cosaAndrà in onda martedì 17 febbraio alle 09:07 la puntata di Fa’ la cosa giusta, rubrica del TG1 all’interno di Uno Mattina, condotta da Giovanna Rossiello, sulle buone pratiche, sui diritti e sulla solidarietà, dedicata alle Terme Euganee.

È stato proprio un appuntamento legato al sociale ad aver incuriosito la redazione del TG1 in merito alle ricchissime acque termali salsobromoiodiche Euganee, ovvero la mattinata evento di domenica 18 gennaio, in cui i sub volontari di Apnea Academy hanno iniziato all’interno di Y-40 il primo corso I Swim for SMA per i circa 25 istruttori che si dedicheranno ai bambini affetti da atrofia muscolo spinale.

Un corso iniziato all’insegna dei numeri uno: nella piscina più profonda al mondo, nel bacino termale più grande e ricco d’Europa, grazie al prezioso aiuto di due subacquei da record come Umberto Pelizzari ed Ilaria Molinari.

Alla trasmissione sono state invitate a raccontare le peculiarità della risorsa termale la Presidente del Consorzio Terme Euganee, Angela Stoppato, e la stessa Molinari, pluricampionessa d’apnea.

L’acqua termale di Y-40, così come delle oltre 220 piscine degli hotel – ha spiegato la Stoppato – ha una composizione di sali minerali ed oligoelementi che la rende terapeutica con effetto antinfiammatorio e che favorisce il galleggiamento e, quindi, il rilassamento. Questo facilita i movimenti, soprattutto nei casi particolari di chi ha difficoltà muscolo-scheletriche come le persone affette da SMA. Nuotare nelle nostre acque termali consente a questi bambini di raggiungere una maggiore mobilità degli arti in maniera più semplice. La temperatura, poi, rende ancor più piacevole lo svolgimento calmo e sicuro degli esercizi”.

“La scelta è caduta sulle Thermae Abano Montegrotto, – ha spiegato Ilaria Molinari – nel caso specifico su Y-40, in quanto si tratta di una delle strutture termali completamente accessibili e senza barriere architettoniche. Qui si sono potuti aggiungere all’approccio istintivo dei bambini e alla loro voglia di divertimento alcuni insegnamenti sulla respirazione e l’apnea, traendo beneficio dal movimento in acqua termale, in una diversa condizione di gravità che consente loro di utilizzare i loro muscoli con minor difficoltà e li sorprende nel compiere tutta una serie di movimenti che solitamente non sono in grado di effettuare”.

“Per un territorio che offre salute da millenni, – ricorda la Presidente Stoppato – questo è solo uno dei tanti momenti in cui si offrono cura e prevenzione ai propri ospiti, ma si è trattato certamente di uno degli appuntamenti che maggiormente ha inorgoglito tutti noi addetti ai lavori e che ci è piaciuto in particolar modo presentare al grande pubblico televisivo nazionale”.

Lascia un commento