Il Consorzio Terme Euganee spiega il suo ruolo nel progetto Cina


Stoppato: “Non si sono riscontrate irregolarità dovute all’operato del Consorzio, trasparente come d’abitudine e disponibile ad ogni chiarimento”

A seguito degli articoli comparsi oggi sulla stampa locale, il Consorzio Terme Euganee, per voce della Presidente Angela Stoppato, ritiene opportuno dare le seguenti precisazioni in merito al progetto Thermae Abano Montegrotto to Expo:

“La segnalazione da parte del Collegio dei Revisori dei Conti è di natura tecnica, interna all’Amministrazione Comunale di Abano Terme.
Da parte del Consorzio Terme Euganee non sono state riscontrate irregolarità, se non un protrarsi della realizzazione del progetto dovuta ad una variazione del contenuto dello stesso notificata all’ente comunale con protocollo datato 16/10/2014.
Attualmente il termine delle nuove attività pianificate è previsto per il prossimo autunno e non stima alcuna variazione dei costi inizialmente stabiliti.

Il progetto, iniziato nella primavera scorsa, prevede una molteplicità di azioni volte alla promozione della destinazione presso Tour Operator cinesi ed Istituzioni. Dopo un’azione di scouting e selezione di possibili partner, anche a seguito di un viaggio in Cina, personalmente intrapreso a mie spese e non a carico del budget del progetto, sono stati individuati tre importanti TO che nei mesi successivi hanno visitato con interesse la nostra destinazione. Ritenendo più proficuo investire sulla collaborazione con questi tour operator affinché promuovessero la destinazione attraverso i loro canali, si è ritenuto opportuno spostare l’importo destinato alla fiera di Shangai, su attività di partnership con tali operatori turistici.

Constatato che il mercato cinese è tanto complesso quanto vasto, la prima proposta ricevuta dal TO Phoenix, poi non recepita dagli hotel, riguardava il turismo tradizionale e prevedeva l’inserimento della nostra destinazione all’interno di un tour delle città d’arte italiane. Si trattava di un accordo che prevedeva 50.000 presenze ad un costo di € 50,00 a camera in bed&breakfast. La proposta non è stata accolta dal territorio perché, se da una parte avrebbe portato la nostra destinazione alla conoscenza di molti turisti, dall’altra non avrebbe valorizzato la nostra vocazione termale.
Pertanto, al fine di valorizzare le nostre peculiarità, abbiamo collaborato con il TO New Horizon, operatore specializzato nel turismo medicale, allo scopo di promuovere pacchetti con permanenze più lunghe e la fruizione dei trattamenti termali. In Cina hanno svolto alcuni workshop sul tema per presentare la destinazione ai loro migliori clienti.
Sempre nell’ottica di far conoscere il nostro territorio e le nostre terme, già nel dicembre 2014 abbiamo ospitato un educational con 54 guide turistiche.

Dal punto di vista istituzionale, particolarmente rilevante per il popolo cinese, in collaborazione con CCTIS, altro tour operator, sono stati organizzati alcuni scambi culturali che hanno visto la partecipazione di numerosi studenti. Un primo scambio ha avuto luogo già a gennaio 2015, coinvolgendo 65 alunni e i rispettivi insegnanti, ed un successivo si terrà nel mese di luglio in collaborazione con la Scuola Internazionale di Pechino.
Altro punto della collaborazione intrapresa con CCTIS è stato quello a seguito della stipula con JOOMOO, tour operator esclusivo del Padiglione di Pechino di Expo Milano 2015, di un accordo secondo cui gestirà ed incentiverà tutto il flusso turistico in arrivo durante il periodo della manifestazione internazionale e per il quale il team di Mr. Wang ha visitato alcune strutture nostre associate di diverse categorie e stabilito le condizioni di prenotazione delle stanze necessarie, su tariffe standard interessanti per gli imprenditori.

Altrettanto importante sarà l’inserimento delle Thermae Abano Montegrotto e delle loro strutture all’interno del sito CTRIP, portale di prenotazione alberghiera internazionale assai in voga nel mercato cinese, paragonabile ad un occidentale Booking.com, che registra 250 milioni di utenti, dei quali circa 90 milioni sono privati di medio alto livello e con un traffico giornaliero di circa 22 milioni di presenze.

Per quanto riguarda il Consorzio Terme Euganee, volendo mantenere come d’abitudine l’assoluta trasparenza che contraddistingue il nostro ente e la professionalità con la quale abbiamo condotto più progetti, penso al Feel Good Festival 2014, al portale di destinazione Visitabanomontegrotto.com, alla monografia QuiTouring, solo per citarne alcuni, rimaniamo a disposizione degli uffici competenti per le eventuali ed ulteriori relazioni da fornire in merito”.

Lascia un commento